Roma, 22 giugno 2020 – “L’uso del contante agevola l’economia sommersa” “Dove c’è più contante c’è più nero, c’è più evasione, c’è più economia sommersa. Questa anomalia tutta italiana deve essere al più presto eliminata, non si può ancora una volta rinviare una scelta fondamentale per l’economia e la giustizia sociale del Paese”. Francesco Luongo, presidente di C4DiP (Consumers for Digital Payments), la coalizione di associazioni di consumatori formata da Movimento Difesa del Cittadino, Asso-Consum e U.Di.Con, sottoscrive il Piano Colao, laddove invita il governo a incoraggiare ed effettuare il prima possibile il passaggio ai pagamenti digitali. 

Come ricorda la task force guidata da Colao, in Italia l’85% delle operazioni avviene ancora in contante, l’Italia è il 23esimo Paese tra i 27 dell’Unione Europea per transazioni con carta e moneta elettronica e questo agevola senza dubbio – sottolinea Luongo – l’economia sommersa che, invece, deve essere eliminata per garantire un mercato più equo”. Luongo condivide “il ricorso a forme di incentivazione ai pagamenti elettronici, come l’ampliamento delle deduzioni/detrazioni dall’Irpef per specifici pagamenti effettuati con strumenti diversi dal contante, il credito d’imposta per gli esercenti sull’utilizzo dei pagamenti elettronici, così come i disincentivi all’utilizzo del contante per elevate somme e iniziative per mettere fuori corso le banconote di maggior taglio, 500 e 200 euro”. Insomma, osserva Luongo, “non è più possibile rinviare o procedere con passo troppo lento sull’eliminazione del contante. Il periodo di lockdown ha anche dimostrato che gli italiani se la sono cavata molto bene con i pagamenti elettronici, molti si sono affacciati per la prima volta all’e-commerce senza troppe difficoltà. Utilizziamo questo cambiamento di abitudini in atto e diamo una svolta decisiva all’uso dei pagamenti elettronici”. 

Un discorso che rientra in quello più ampio della trasformazione digitale del Paese: “Il Piano Colao – afferma Luongo –  individua la giusta necessità di incentivare tutte le amministrazioni nel processo di digitalizzazione, promuovendo una maggiore diffusione di servizi digitali e piattaforme quali PagoPa, l’app “Io”, Spid e la Carta d’identità elettronica, che possono contribuire in maniera decisiva allo sviluppo digitale Paese”. “Auspichiamo quindi che il Governo renda operativo il Piano sviluppato dal Comitato presieduto dal Dott. Colao già nell’immediato futuro, promuovendo la digitalizzazione del Paese come i consumatori chiedono da tempo ”.